Dalle città per bene

Troppo cemento in città: Treviso sceglie la natura

9 mesi fa
Troppo cemento in città: Treviso sceglie la natura

Una notizia sensazionale che ha portato gli abitanti di Treviso a scegliere la natura

Una notizia sensazionale quella che ha interessato il Comune di Treviso, dove i residenti hanno scelto di strappare 8 ettari di terreno (pari a 53.000 metri cubi) destinati alla costruzione edilizia in favore della natura: una scelta, questa, che ha visto la sconfitta del cemento in favore di nuove e rigogliose aree verdi di cui tutti i cittadini potranno godere.

Un piano politico triennale avviato nel 2016 che, secondo l’assessore all’urbanistica Marina Tazzer, è “uno strumento valido che a Treviso ha già prodotto un considerevole risparmio di territorio, altrimenti destinato alla cementificazione. L’impegno dell’amministrazione comunale a intervenire sulle cubature edificabili e a preservare le aree verdi continua: per questo ricordiamo a tutti i proprietari di terreni edificabili intenzionati a convertirne la destinazione da edificabile a verde, che la possibilità esiste ancora”.

Fino al 9 marzo 2018, infatti, i soggetti privati interessati potranno presentare, in carta semplice secondo un modello disponibile presso il Comune, le proposte di riclassificazione di aree edificabili, complete delle generalità dei richiedenti e dei dati catastali degli immobili oggetto di richiesta di riclassificazione. Le proposte dovranno essere presentate entro i termini previsti al Sindaco del Comune di Treviso, attraverso la consegna direttamente all’Ufficio protocollo del Comune, via raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata al Comune di Treviso (via del Municipio 16, 31100 Treviso) o mediante posta elettronica certificata all’indirizzo: postacertificata@cert.comune.treviso.it

Un’opportunità rivolta a tutte le persone perbene che, desiderose di impegnarsi per la comunità, troveranno sicuramente confortevole la possibilità di moltiplicare le aree verdi all’interno della propria città di Treviso.

Lascia il tuo Commento

0 commenti per "In Italia si parla di sviluppo sostenibile"
avatar