Dalle città per bene

Trapani: ricostruita la facciata del tempio di Selinunte

6 mesi fa
Trapani: ricostruita la facciata del tempio di Selinunte

Il più antico e forse misterioso tempio del parco archeologico siciliano torna a risplendere

Una buona notizia per l’umanità intera quella che è stata recentemente resa nota a Trapani: grazie agli studi e alle moderne tecnologie, infatti, è stato possibile ricostruire la facciata del Tempio Y di Selinunte, il più antico e forse misterioso tempio del parco archeologico siciliano in provincia di Trapani.

A rendere pubblica la notizia è stato il dott. Enrico Caruso, direttore del Parco di Selinunte, che ha tenuto a sottolineare come ancora oggi non è stato possibile stabilire la posizione esatta del tempio (smontato in epoca punica e smembrato per costruire nuovi edifici), ma grazie ad alcuni elementi architettonici originali e alle eccellenti riproduzioni è stato finalmente possibile ricostruirne e ammirarne la facciata in tutto il suo splendore e la sua maestosità.

Questa è solo l’ultima novità in ordine di tempo: recentemente, infatti, a Selinunte sono stati rinvenuti alcuni ambienti naturali risalenti a 2700 anni fa, rilevati grazie all'utilizzo di termocamere installate su droni. Le ricerche hanno, così, permesso di scoprire tubature di epoca greca, realizzate per far arrivare l’acqua all’interno delle case: un vero e proprio sistema idrico del tempo che ha avvalorato la teoria dell’esistenza di un complesso abitato nel parco di Selinunte, simile quasi a quello di Pompei.

Non a caso, infatti, lo stesso Enrico Caruso ha più volte sottolineato come Selinunte fosse una vera e propria “megalopoli della Sicilia occidentale” e questa ulteriore scoperta non può che avvalorare la tesi in essere: bella e potente, imponente e maestosa Selinunte con i suoi templi, le sue case, i suoi corsi d’acqua e le sue tipiche alture era una città unica nel suo genere che venne brutalmente distrutta e abbattuta nel 409 dalla popolazione dei Cartaginesi.

Un impegno di tutta la comunità trapanese che ha voluto fortemente riportare alla luce uno dei simboli della sua stessa grandezza di un tempo: questo è ciò che fanno le persone perbene.

Lascia il tuo Commento

0 commenti per "In Italia si parla di sviluppo sostenibile"
avatar