La qualità dell’aria che respiriamo dipende anche da noi

Salute

La qualità dell’aria che respiriamo dipende anche da noi

8 mesi fa

Tecnologie e apparecchiature per la filtrazione e pulizia dell’aria non più un optional per le nostre case e gli ambienti di lavoro.

In questi tempi si parla molto di confort, e se è vero che su di esso influiscono fattori di tipo ambientale (aria, temperatura, umidità, luce e rumore) a cui si aggiungono fattori sensibili della persona (stato di salute, stato emotivo, livello di sensibilità epidermica), l’aria che respiriamo non solo per strada, ma anche nelle nostre abitazioni e nei nostri uffici è uno dei fattori principali per il nostro benessere.

Quando parliamo di confort intendiamo uno stato mentale per cui un soggetto esprime la sua piena soddisfazione per le condizioni microclimatiche che lo circondano e la pulizia e diffusione dell’aria negli ambienti è senza ombra di dubbio uno dei fattori critici di successo.
Nella progettazione e scelta delle tecnologie oggi a disposizione sul mercato risulta fondamentale quindi porre al centro la persona e il suo benessere psico-fisico, risultante delle relazioni che intercorrono con l’ambiente esterno e con l’ambiente confinato(progettazione bioecologica).
A parità di condizioni – qualità dell’aria immessa nell’ambiente confinato, temperatura e umidità - il confort è ottenuto solo grazie ad una ottima scelta del sistema di diffusione dell’aria, della tipologia degli apparecchi di diffusione e filtrazione, della loro posizione rispetto alla localizzazione di progetto casa (arredi, stanze,occupanti).
A ciò si aggiunge l’importanza di una corretta ventilazione che oltre a contribuire al risparmio energetico grazie all’allontanamento del calore che si accumula negli ambienti chiusi, ha impatti significativi sulla nostra salute, visto che le nostre case, così come gli ambienti di lavoro, presentano numerosi inquinanti che possono provocare patologie gravi e croniche se in presenza di esposizioni prolungate nel tempo.
L’obiettivo quindi è ottenere la migliore qualità dell’aria possibile, misurata attraverso uno specifico indicatore, IAQ (Indoor Air Quality) che ne certifica l’ottenimento e rassicura sul fatto che si viva in un contesto respirabile.
Abbiamo riempito fin troppo le nostre case di tecnologia (video, audio, rete, wi-fi) ed è arrivato il momento di investire su apparecchiature e tecnologie che ci filtrino il bene più prezioso che abbiamo: l’aria.

Lascia il tuo Commento

0 commenti per "In Italia si parla di sviluppo sostenibile"
avatar